Fondi pensione negoziali, ecco i più efficienti a tre anni

Il rendimento medio annuo composto, riferito all'ultimo triennio, dei fondi pensione negoziali si attesta intorno al 3,2%: quali considerazioni si possono fare in termini di efficienza, vale a dire di rendimento corretto per il rischio? 

Leo Campagna

Il rendimento medio degli ultimi tre anni (dal luglio 2014 al luglio 2017) delle 109 linee dei fondi pensione negoziali censiti nel database di Itinerari Previdenziali si è attestato al 9,91%. Si tratta di un rendimento annuo composto del 3,2% che, in un contesto di tassi obbligazionari ai minimi storici e inflazione contenuta, si può considerare più che accettabile. D’altra parte, il TFR nello stesso triennio si è rivalutato del +5,27%. Ma cosa si può dire dal punto di vista dell’efficienza, ovvero del rendimento corretto per il rischio?

Per verificarlo, abbiamo calcolato l’indice di Sharpe utilizzando come tasso risk free l’indice JPMorgan EMU Cash - 12 mth (EUR) che, nei tre anni esaminati, ha reso l’1,60%. I risultati ottenuti confermano che, in un ambiente contraddistinto da una volatilità piuttosto contenuta, i comparti con più alto profilo di rischio sono stati quelli più efficienti nel triennio. Infatti, le linee bilanciate azionarie mostrano un indice di Sharpe medio di 0,878, quelle bilanciate classiche uno Sharpe ratio medio dei 0,844, quelle bilanciate obbligazionarie un indice di efficienza di 0,788: distaccate invece le linee obbligazionarie miste (0,341) e quelle obbligazionarie (0,095).

All’interno delle linee bilanciate azionarie, la linea con il più alto indice di Sharpe a tre anni è risultata essere Fonte Dinamico (1,036), dedicato ai dipendenti del commercio, mentre tra le linee bilanciate tradizionali è stata Laborfonds Bilanciato (per le aziende del Trentino Alto Adige), che vanta peraltro anche il più alto indice di efficienza in assoluto (1,138). Pegaso bilanciato (0,999), sottoscrivibile dagli addetti alle aziende del gas, dell’acqua e dell’elettricità, è risultata invece la linea bilanciata obbligazionaria con il più elevato Sharpe ratio così come, all’interno delle linee obbligazionarie miste, Fondaereo prevalentemente obbligazionaria (0,840), per i piloti e gli assistenti di volo.

Infine, tra le linee obbligazionarie, il miglior indice di Sharpe è risultato essere quello di Solidarietà Veneto Prudente (0,481), dedicato alle aziende industriali del Veneto.

Leo Campagna

25/9/2017

 
 

Ti potrebbe interessare anche