Legge di Bilancio 2017: i chiarimenti dell’Inps sulle novità previdenziali

L’INPS ha reso disponibili sul suo sito otto schede dedicate alle principali novità in materia di previdenza contenute nella Legge di Bilancio 2017. Ape, opzione donna,  cumulo dei contributi assicurativi e quattordicesima mensilità tra i temi trattati

Redazione - @PensionieLavoro

Abolizione delle penalizzazioni previste dalla cosiddetta Legge Fornero, Ape sociale, Ape volontaria, benefici per lavoratori precoci e addetti ai lavori usuranti, cumulo dei contributi assicurativi, quattordicesima mensilità e opzione donna: sono questi i temi delle schede informative pubblicate sul sito Inps con l’intento di presentare, in versione semplificata, i provvedimenti previdenziali contenuti nella Legge di Bilancio 2017. Se ne riporta di seguito una breve sintesi.

Abolizione Penalizzazioni – L’Inps ricorda innanzitutto che sono abolite definitivamente, per coloro che raggiungeranno il diritto alla pensione anticipata dopo il 31 dicembre 2017, le penalizzazioni previste dalla cosiddetta Legge Fornero, vale a dire la riduzione percentuale della sola quota retributiva di pensione, proporzionata al numero di anni mancanti al raggiungimento del requisito anagrafico di 62 anni.

Ape Sociale e Ape Volontaria – Protagonista delle schede informative Inps anche Ape Sociale e Ape Volontaria, di cui vengono chiariti requisiti d’accesso, importi, modalità ed eventuali incompatibilità: per entrambe, la sperimentazione avrà luogo dal primo maggio 2017 al 31 dicembre 2018. Interessante in particolare notare, per quel che riguarda l’APE sociale, l’emergere di una novità rispetto a quanto era stato discusso nei giorni scorsi, vale a dire la presenza di un ulteriore requisito: il lavoratore interessato dovrebbe poterne fare richiesta solo laddove si trovasse a non più di 3 anni e 7 mesi dal pensionamento di vecchiaia. Da verificarne però la formalizzazione. Va precisato infatti che le schede elaborate dall’Inps non hanno alcun valore di tipo normativo, ma nascono con l’intento di chiarire ai cittadini le modalità di funzionamento delle novità previdenziali introdotte dalla Legge di Bilancio.

Cumulo dei periodi assicurativi - Si tratta della possibilità di cumulare la contribuzione versata a più gestioni allo scopo di conseguire un’unica pensione. Come precisa l'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, il cumulo non comporterà alcun onere a carico dell’interessato, né tantomeno il trasferimento di contributi da un ente all’altro: più semplicemente, ogni gestione determinerà per la propria parte di competenza il proprio trattamento pro-quota, determinandolo sulla base degli effettivi periodi d’iscrizione e delle regole di calcolo previste dalla propria gestione.

Quattordicesima mensilità – Esteso dalla Legge di Bilancio 2017 sia il bacino degli aventi diritto alla somma aggiuntiva (reddito minimo annuo compreso tra 1,5 e 2 volte il trattamento minimo annuo, pari nel 2016 a 13.049,14 euro) sia l’importo dell’assegno – erogato nel corso del mese di luglio – nei confronti degli aventi diritto con reddito complessivo o inferiore a 1,5 volte il trattamento minimo annuo.

 

11/1/2017

 
 

Ti potrebbe interessare anche