Pensioni e COVID-19, quei conti che non tornano

Negli ultimi giorni si è erroneamente parlato di un sistema pensionistico messo a rischio da un numero di pensionati ormai superiore a quello dei lavoratori attivi: la notizia è in realtà infondata perché confonde le "teste" con il numero di prestazioni, ma sulla salute delle pensioni italiane incombe comunque l'impatto di COVID-19 e delle ultime novità in materia

Alberto Brambilla e Antonietta Mundo

Il numero dei pensionati italiani ha superato il numero dei lavoratori attivi: pensioni a rischio! Queste le notizie apparse nei giorni scorsi a seguito di uno studio della CGIA di Mestre, ripreso poi da numerosi articoli, in cui si afferma che - a causa di COVID-19, i pensionati hanno sorpassato gli occupati privati, pubblici e autonomi. Notizia che ha immediatamente fatto il giro d’Europa senza alcuna smentita ufficiale né del governo né degli enti interessati. E ne ha approfittato subito il veloce Mark Rutte, il premier olandese dei “frugali” che ha tuonato di far cessare Quota 100.

Peccato che notizia e corollario siano manifestamente inesatti. Di fatto, lo studio in questione, per il confronto con gli occupati, ha utilizzato non i 16.004.503 pensionati (le teste) ma il numero delle prestazioni in pagamento che, al 31 dicembre 2018 erano 22.785.711, come evidenziato nel Casellario centrale dei pensionati, confrontandole impropriamente con i 22.777.000 occupati rilevati dall’Istat nel mese di maggio 2020. A parte il confronto tra dati rilevati in tempi differenti (dicembre per i pensionati e maggio per gli occupati), l’errore sta nell’aver messo a confronto il numero degli occupati con il totale delle prestazioni pensionistiche e assistenziali.

È bene ricordare che nel Casellario dei pensionati sono conteggiate tutte le tipologie di pensioni, tra cui alcune pensioni complementari, le pensioni di guerra e le pensioni ai superstiti che sono liquidate insieme al trattamento principale di vecchiaia o anzianità; le indennità di accompagnamento che fanno capo a un’altra pensione o di invalidità civile oppure di vecchiaia/anzianità, le pensioni di guerra e le pensioni ai superstiti che spesso competono a persone già pensionate (coniugi vedovi già pensionati). Per questi motivi occorre considerare il numero delle “teste”, ossia i pensionati e non il numero di prestazioni. Infatti i pensionati italiani nel 2018 possiedono mediamente quasi una pensione e mezza a testa, più precisamente 1,43 pensioni per ogni pensionato.

I prossimi dati del Casellario su pensionati e numero di prestazioni a fine 2019 saranno pubblicati da INPS e Istat nell’ottobre prossimo, tuttavia sono già disponibili i dati delle gestioni INPS dai quali si evince che nel 2019 sono state liquidate 1.375.810 pensioni (90.611 nuove pensioni in più, pari a un incremento del 7,1%) per cui le pensioni vigenti all'1 gennaio 2020 sono 20.883.448; a queste occorrerebbe sommare le pensioni dei pensionati professionisti delle Casse di Previdenza, le rendite INAIL, le pensioni di guerra e le pensioni complementari, in tutto circa 2 milioni. È possibile quindi fare un confronto tra il 2018 e il 2019 per stimare con buona approssimazione come hanno influito i nuovi pensionamenti con “Quota 100”, operativi dall'1 aprile 2019, il blocco dell’innalzamento della speranza di vita per le pensioni anticipate e le altre misure varate o prorogate dal governo gialloverde.

Dal confronto del 2019 rispetto al 2018, risulta un aumento del 38,8% delle pensioni anticipate (circa 75mila pensioni in più nella classe di età 60-64 con un’età media di 62,7 anni e circa 31.000 in più nella classe successiva 65-69, con un’età media di 65,6 anni), in parte compensato da una diminuzione delle pensioni di vecchiaia e prepensionamento, pari al -15,4%. L’esame delle pensioni vigenti - quelle in pagamento - all'1 gennaio 2020, comprese le nuove pensioni liquidate nel corso del 2019 meno le pensioni eliminate nel 2019, conferma sostanzialmente la dimensione di tale aumento che, complessivamente, ammonta a 83.678 pensioni vigenti in più, pari a un aumento dello 0,5% rispetto al 2018. Il leggero sfasamento tra i due aggregati è dovuto agli effetti amministrativi della lavorazione delle pratiche in fasi temporali diverse. I dati Istat di maggio 2020 su occupati e disoccupati rilevano 22.777.000 occupati (17.627.000 di dipendenti e 5.150.000 di autonomi).

Pertanto, a fine 2019, si stima che i pensionati potranno essere circa 90.000 in più rispetto al 31 dicembre 2018 e raggiungere quindi i 16,1 milioni. Se ci si spinge temporalmente a valutazioni ulteriori fino a maggio 2020 per un confronto tra pensionati e attivi dovrebbe essere considerata rispetto al 2019 anche la maggiore mortalità diretta e indiretta provocata dalla pandemia del coronavirus, che ha colpito per il 95% soggetti over 60 e, quindi, anche molti pensionati nelle classi di età sopra i 60 anni. Se dovessimo dunque calcolare il rapporto attivi pensionati a fine maggio 2020, ci attesteremmo a un valore di 1,415 attivi per ogni pensionato, contro l’1,45 del 2018. Si tratta in effetti del primo peggioramento dopo ben 22 anni di continui miglioramenti: viene così interrotto il raggiungimento del rapporto 1,5 che, pur non essendo la panacea, mette certamente il nostro sistema pensionistico in sicurezza considerando anche i due stabilizzatori automatici (età anagrafiche e coefficienti di trasformazione, entrambi adeguati alla aspettativa di vita) di cui non dispongono i “frugali”.  

Numero pensioni INPS ed ex INPDAP (*) vigenti all’1 gennaio degli anni 2019 e 2020 per categoria ​

Numero pensioni INPS ed ex INPDAP (*) vigenti all’1 gennaio degli anni 2019 e 2020 per categoria

*Dall'1.1.2020 l'Osservatorio comprende anche la Gestione Spettacolo e Sport, precedentemente inserita in un Osservatorio dedicato. Sono esclude le rendite INAIL, le pensioni di guerra, le pensioni della Casse professionali e le pensioni complementari

Fonte: INPS - Osservatori statistici delle pensioni 1.1.2019 e 1.1.2020 

Usare una metodologia corretta consente di evitare allarmi ingiustificati. Quello che invece preoccupa sono almeno tre situazioni: a) l’aumento dell’importo delle prestazioni di invalidità civile attualmente pari a circa 287 euro al mese per un numero di beneficiari totali di circa 980mila e che la Corte costituzionale con sentenza del 24 giugno scorso ha indicato di aumentare; supponendo un importo di 516 euro al mese per 13 mensilità, l’incremento annuo di costo si aggirerà sui 2,9 miliardi, ben oltre quanto stanziato nel  cosiddetto DL ”Rilancio”. b) Per fine ottobre è atteso il pronunciamento della Consulta sul taglio delle cosiddette pensioni d’oro voluto dal governo Conte 1, iniziato nel giugno del 2019 e che interessa 24mila pensionati con assegno superiore a 100mila euro lordi l’anno. In cinque anni questa misura farebbe incassare allo Stato 415 milioni che ovviamente verrebbero cancellati se la Corte - come probabile, visto che non si tratta di ricalcolo, ma di rozzo taglio - desse ragione ai ricorrenti, con un incremento dei costi amministrativi per i ricalcoli e gli accrediti di non poco conto. c) Resta infine l’effetto combinato di Quota 100 e del virus SARS-CoV2, che aumenterà il disavanzo dell’INPS dai 20 miliardi del 2018 ai 25 del 2019 e ai circa 48 del 2020.

Alberto Brambilla, Presidente Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali 

Antonietta Mundo, Già Coordinatore generale statistico attuariale INPS

29/7/2020

L'articolo è stato pubblicato sul Corriere della Sera, L'Economia del 27/7/2020

 

 
 
 

Ti potrebbe interessare anche