Lavoro

Il welfare aziendale come nuovo elemento delle relazioni industriali

Gabriele Fava

Il welfare aziendale è un elemento sempre più presente all'interno dei tavoli di confronto sulle politiche retributive tanto che, sebbene in misure ancora relativamente ridotte, non sembra ormai più possibile prescindere dall'erogazione di parte della retribuzione in forma di beni e servizi: quali scenari per il futuro?
 

Congedo retribuito, questo sconosciuto

Leonardo Comegna

Un tema delicato, quello della violenza di genere, e un appello anche ai professionisti affinché le donne acquisiscano maggiore consapevolezza dei propri diritti: analisi e spunti di riflessione
 
 

Chi pensa alle imprese?

Edoardo Zaccardi

Come favorire l'occupazione in Italia? Una delle strade recentemente più battute dai legislatori sembra essere quella della decontribuzione pro-neoassunti, ma una domanda sorge spontanea: perché non pensare invece a come rilanciare le imprese?

Povere donne, al lavoro e in pensione

Leonardo Comegna

La differenza di genere? Non riguarda solo il lavoro, ma anche le prestazioni previdenziali: dati alla mano, le donne italiane si trovano ancora alle prese con un notevole gap retributivo e pensionistico rispetto agli uomini
 
 

Occupazione femminile: il punto sugli ultimi dati ISTAT

Claudio Negro

Gli ultimi dati ISTAT sul mercato del lavoro offrono segnali incoraggianti, soprattutto in tema di occupazione femminile. Ma come interpretarli correttamente, senza cedere né a facili entusiasmi né a ridimensionamenti eccessivi? 

INAIL, le prestazioni per inabilità permanente

Maria Elisa Scipioni

La rendita per inabilità permanente rappresenta la principale prestazione economica erogata dall’INAIL in caso di infortuni o malattie derivanti da cause lavorative: in che modo è determinata? Il punto tra normativa ed esempi di calcolo 

Previdenza chiama lavoro

Edoardo Zaccardi

Ancor di più in un sistema contributivo, il lavoro è un ingrediente assolutamente necessario per assicurarsi la pensione. Affermazione valida per il singolo lavoratore a livello "micro", ma cui non sfugge l'intero sistema anche a livello più "macro": ecco come e perché
 
1  2  3  4  5  6