Fondi pensione negoziali, resilienti in un primo trimestre 2020 difficile

Pur accusando inevitabili perdite, i fondi pensione negoziali si sono rivelati particolarmente resilienti in uno dei periodi più difficili che la storia recente dei mercati finanziari possa ricordare: i dati del primo trimestre 2020 e alcuni spunti di riflessione per gli aderenti, anche potenziali, a forme pensionistiche integrative 

Leo Campagna

Il quadro delle performance del primo trimestre 2020 dei fondi pensione negoziali si è completato con la disponibilità dei nav al 31 marzo 2020 dei 101 comparti censiti dal Comparatore dei Fondi Itinerari Previdenziali. La performance media di marzo si è attestata al -4%, portando quella da inizio anno a -4,9%. Considerando che la correzione dei mercati finanziari provocata dalla diffusione della pandemia da coronavirus è partita dal 19 febbraio, si può notare notare come la performance media dei fondi pensione negoziali nel bimestre febbraio-marzo 2020 si sia posizionata a -5,4%. Incoraggia tuttavia il fatto che il dato medio annuale dal 31 marzo 2019 al 31 marzo 2020 non vada oltre un -1,3%.

D’altra parte i fondi pensione negoziali hanno confermato, anche durante questa crisi, il loro profilo di rischio inferiore rispetto a quello delle altre forme pensionistiche integrative. Per esempio, le 303 linee dei fondi pensione aperti hanno perso in media il 5,3% a marzo 2020 e il -6,2% nel primo trimestre di quest’anno; le unit linked dei PIP censite dal database di Itinerari Previdenziali, invece, evidenziano una contrazione media del valore delle quote del 12% a marzo e del 14,4% nei primi tre mesi di quest’anno.

Tornando ai fondi pensione negoziali, i comparti bilanciati azionari hanno accusato perdite medie del 6,8% a marzo e del 9,9% da inizio anno, mentre quelli bilanciati hanno messo a segno cali in media, rispettivamente, del -5,7% e del -7,8%. Le linee bilanciate obbligazionarie, dal canto loro, hanno evidenziato una correzione mensile del -4,7% e del -6,1% dal primo gennaio al 31 marzo. Meno pronunciate invece le perdite dei comparti garantiti, obbligazionari e obbligazionari misti con contrazione media dei valori, sia mensili sia trimestrali, comprese tra -1,5% e -1,7%.

Come dire che i fondi pensione negoziali hanno mostrato un'indubbia resilienza in un trimestre tra i più difficili degli ultimi decenni per i mercati finanziari.

Leo Campagna 

15/5/2020

 
 
 

Ti potrebbe interessare anche